< Dietro

Seleziona eventi o destinazione

Seleziona un evento o un luogo per prenotare la visita

Prenota online

Seleziona la data dal calendario e indica il numero di persone per inviare la tua richiesta di prenotazione.
Sarai ricontattato dal nostro staff. Grazie.


Selezionato:

Persone 1
+ -

Dati prenotazione

Compila il modulo con i tuoi dati per confermare la tua prenotazione.

Nome *
Cognome *
Email *
Telefono/Recapito *
Note
Accetto il trattamento dei dati e le condizioni del servizio

Prenotazione effettuata

Grazie. Il codice della tua prenotazione è {{codice}}, abbiamo inviato una email di riepilogo all’indirizzo {{email}}



Continua
Prossimo evento
  - 18:30 - S. Rosario - Triduo San Giovanni Battista - Chiesa San Giovanni Battista
CHIESA SAN MARTINO
Chiesa di
San Martino

Descrizione del luogo

Sec. XIII
La chiesa è intitolata a S. Martino di Tours, santo originario della Pannonia, già militare indi vescovo di Tours ed apostolo delle Gallie (cit. A.Sacco). È situata nell’antico rione del Tuorno (o Torno) o Gerone; è documentata già nel 1292 ed è una delle nove parrocchie annesse, nel 1498, alla chiesa madre di San Michele Arcangelo.

La chiesa presenta un’unica navata rettangolare, con volta riccamente affrescata. L’ingresso è sopraelevato rispetto alla piazzetta antistante di cinque scalini. La facciata presenta un imponente portale con un cartiglio recante l’effigie di S. Martino e due edicole funerarie provenienti da Cosilinum. Il presbiterio occupa uno spazio limitato, ma reso particolarmente solenne dalla presenza del maestoso altare in pietra di Padula e marmi policromi, che risale alla metà del XVIII sec., opera di maestranze locali.

L’antica sacrestia è dietro l’abside, nell’angolo sinistro. La volta presenti tre affreschi: il primo di San Michele Arcangelo con sotto l’iscrizione Similis ero (Sarò dimile a Dio); il secondo raffigura Maria SS. Assunta in Cielo con il Bambino che apre le sue braccia tra S. Martino e un altro diacono, datato 1812, sotto il dipinto, tra le anime purganti, si legge la frase Sancta est cogitatio pro defunctis exorare. Il terzo rappresenta San Filippo Neri (1812), opera di artisti padulesi.

Informazioni utili

Orari di visita

Segui l’itinerario

I luoghi, il territorio

Padula, famosa nel mondo per la monumentale Certosa di San Lorenzo, patrimonio UNESCO, è ricca di elementi artistici e architettonici, fatta di chiese strade, statue ed edicole votive realizzate anche in pietra locale che testimoniano 1100 anni di vita. Non è possibile, quindi, trascurare il contesto nel quale il sito certosino è stato edificato e soprattutto trascurare due elementi fondamentali: la materia e lo spirito della Certosa. Scopri gli itinerari attraverso il territorio di Padula.

Progetto finanziato POR Campania FESR 2014/2020